Domenica 14 luglio 2013 l’annuale celebrazione a Zgornja Branica

di | 2 Luglio 2013

In omaggio al socio fondatore don Bogomil Brecelj

L’appuntamento è per domenica 14 luglio alle 15.45 al piazzale della Casa Rossa. Alle ore 17.00 la santa messa nel bosco di Kodreti.

L’Associazione Concordia et Pax, per rendere omaggio al proprio socio fondatore don Bogomil Brecelj recentemente scomparso, invita gli amici ed i simpatizzanti alla annuale celebrazione a Zgornja Branica in occasione dell’anniversario della uccisione da parte dei partigiani comunisti del padre Jožef Brecelj e dei suoi figli: Marica, Angela e Martin uccisi attorno il dieci di luglio del 1944. Alle ore 17.00 verrà celebrata una messa, preceduta dal santo rosario.

La storia della famiglia Brecelj è singolare ed emblematica. Si trattava di una famiglia influente e fedele alla propria fede ed alle proprie radici, negli anni in cui il fascismo portava avanti il suo disegno di snazionalizzazione. Il radicamento fermo nella fede cattolica costituiva un fondamento irrinunciabile e, pertanto, non compatibile con la militanza nel movimento comunista che, specie in quel periodo aveva fortemente accentuato la sua opposizione alla fede.

In quel contesto la lotta al fascismo ed al nazismo era il fondamento sostanziale per dare un futuro al paese ed all’Europa, ma è indubbio, come la storia ci ha dimostrato, che il comunismo nel suo grande e fondamentale impegno e contributo alla liberazione dell’Europa contro il nazifascismo, perseguiva un altro obiettivo, che si espresse alla fine della guerra in modo altrettanto tragico e violento. Ricordiamo che nel rispetto delle sofferenze di tutti in quel tragico e travagliato periodo vanno condannati i crimini, ammessi gli errori e rispettati gli avversari.

Nella complessa e tormentata vicenda, ricordiamo questa famiglia per cercare una sintesi di quei drammatici avvenimenti. Non per esprimere giudizi o cambiare la storia, ma per testimoniare la profonda fede e la coerente e coraggiosa scelta finale della famiglia Brecelj. Quando i figli riferirono alla madre la verità sul destino del marito e dei tre figli, la signora Emilja li invitò ad inginocchiarsi ed a recitare il Padre Nostro.

Alle parole “come noi rimettiamo ai nostri debitori” chiese ai figli la promessa di non odiare e di non vendicarsi in nessun modo. Per il figlio Bogomil, che si preparava a diventare sacerdote, divenne un imperativo irrinunciabile per la sua consacrazione. La vita da lui vissuta possiamo dire che ha testimoniato questa coraggiosa e sentita scelta in momenti e periodi dove l’odio poneva drammaticamente a ferro e fuoco queste martoriate terre. Questo è il messaggio cristiano che raccogliamo e che vogliamo proporre.

L’appuntamento è per domenica 14 luglio alle 15.45 al piazzale della Casa Rossa, si prosegue sulla strada San Pietro, San Daniele, a Mesarji si gira a sinistra verso Spodnja Branica e poi, più avanti a destra per Dolanci e Kodreti. Alle ore 17.00 la santa messa.